home album
vignette
cose
vostre
maestri
humor
mp3
per te
stanze
ospiti
alter
altus
politica
fumetti
links
amici

emporio


Clik su F11
Cristina De Stefano

CRISTINA CAMPO
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Schiva reticente umbratile solitaria, Vittoria Guerrini alias Cristina Campo Ŕ tra le figure pi¨ defilate della letteratura novecentesca. 
Anche tra le pi¨ attraenti: per il senso della spiritualitÓ, per l'intensitÓ con cui coltiv˛ amicizie stellari (Silone, Alvaro, Bernhart...) legami epistolari, amori fatali (ElÚmire Zolla...), per la Scrittura lirica e immaginifica.

 

 

 

 

Cristina De Stefano  ne ha esplorato la biografia, che ha raccontato nel giÓ fortunato Belinda e il mostro (Adelphi, pp. 214, Ç 16,50).

 

 

 

 

- La biografata Ŕ irresistibile: come ti ha sedotta?
"╚ accaduto nel 1987. Avevo 20 anni. Lessi allora per la prima volta Gli imperdonabili. Il saggio Una rosa, commento alla fiaba Belinda e il mostro, mi fece l'effetto di un colpo di fulmine. Mi impression˛ la novitÓ delle cose che scriveva e il modo in cui ne scriveva".

- Poi Ŕ nato il desiderio di conoscere la donna celata dietro quella scrittura...
"Subito mi sono sentita stuzzicata a cercare informazioni sull'autrice. Mi sorprese la quasi totale mancanza di notizie. Cristina Campo Ŕ una delle grandi invisibili del Novecento".

- C'Ŕ una splendente monografia di Monica Fanietti, che menzioni tra i ringraziamentL.
"Quando l'ho letta, nel 1996, ho concepito l'idea
della biografia. Monica Ŕ la madrina del mio libro".

- La Campo, dalla vita segreta, era al centro di una rete fittissima di relazioni.
"╚ stata la parte pi¨ bella del lavoro. Ho agito come un detective. Non tutti i suoi conoscenti sono stati collaborativi: qualcuno era geloso dell'antica amica, temeva di violarne il ricordo".

- Di lei, traduttrice e lettrice infaticabile, non andavano trascurate le letture...
""Una biografia della Guerrini dovrebbe essere prima di tutto una storia delle sue letture", diceva una persona che le fu amica".

- Cristina, da sempre sofferente, muore nel 1977, a 54 anni: troppo presto?
"Si, la sua Ŕ una vita troncata, e l'opera incompiuta. Dal 1965, dopo la conversione al cattolicesimo, aveva
avviato una fase creativa assolutamente nuova".

- E il mostro cui la affianchi nel titolo chi Ŕ?
"╚ un enigma, Ŕ il dolore, la malattia, l'arcano o Dio stesso. ╚ una cifra misteriosa, volutamente ripresa da una fiaba: Cristina pensava che la narrazione fantastica fosse una forma del destino".

ALESSANDRA IADICICCO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

top

 
home album
vignette
cose
vostre
maestri
humor
mp3
per te
stanze
ospiti
alter
altus
politica
fumetti
links
amici
emporio